Torna alla prima pagina

SUD: NUOVE PROSPETTIVE PER I DIRITTI

CO. DI. CI. Campania si arricchisce di un nuovo centro.

 

Domenica 29 Ottobre ‘95, presenti il Presidente dell’Assemblea Regionale Giovanni Spasiano ed il Segretario Regionale Olga Fusella, è stato ufficialmente aperto il centro CO. DI. CI. Salerno e provincia.

Sono intervenuti: il Segretario Nazionale, il Segretario Regionale del Lazio e Liliana Pilla dell’Ufficio Stampa di CO. DI. CI.

 

Finalmente è arrivato il momento tanto atteso.

Finalmente possiamo annunciare l’apertura di un nuovo centro e siamo veramente felici di farlo.

Felici perché questa è la testimonianza più concreta del lavoro che CO. DI. CI. Campania ha profuso in tutti questi mesi di attività.

Felici perché significa che in questa nostra terra, talvolta apatica e sonnolenta, qualcosa comincia a muoversi, qualche coscienza si sta svegliando, qualcuno ha deciso di agire.

Felici anche di dimostrare a tutti quelli che non credevano in noi quanto deciso fosse il nostro impegno e forte la nostra volontà di esseri e di farci sentire.

Felici, infine, perché questa nostra avventura ci sta facendo scoprire quanto le persone siano, a modo loro, straordinarie (ma di sicuro gli iscritti a CO. DI. CI. lo sanno già).

Alcune di loro hanno vinto importanti battaglie con l’aiuto di CO. DI. CI. e sono state così entusiaste da promuovere l’apertura del centro salernitano.

Il più attivo e battagliero è, senza dubbio, il Signor Carmine Di Domenico, il cui caso è uno  degli esempi più significativi ed emblematici dell’intera attività di CO. DI. CI. Campania.

Egli infatti è riuscito, grazie a noi (ed agli amici del Lazio), a vincere la sua guerra contro la camorra e le sue infiltrazioni nella Pubblica Amministrazione del comune di Sarno e ad ottenere la licenza commerciale che gli spettava di diritto.

Per non parlare, poi, del Dottor Enzo Mari, capo della Polizia del Comune di Sarno, sospeso dal servizio perché faceva il suo dovere con troppo zelo (e troppa onestà, aggiungiamo noi) e che è stato reintegrato in servizio grazie al nostro intervento.

Sono stati proprio loro, insieme ai coniugi Ferrante vittime di una Sanità inefficace ed ancora troppo omertosa, ad insistere affinché CO. DI. CI. fosse presente anche sul territorio salernitano ed a sollecitare l’incontro che ha portato all’apertura del nuovo centro.

Hanno condiviso la nostra felicità Liliana Pilla del CO. DI. CI. Lazio senza il cui incondizionato appoggio e sostegno nei molti momenti difficili del nostro primo anno di vita, CO. DI. CI. Campania non avrebbe ottenuto questo piccolo, forse, ma importante risultato.

 

Irma Silvano  

          CO. DI. CI.  Campania