Torna al des 22

 

Banca Etica: una banca al servizio della solidarietà per i diritti dei cittadini

 

di Ivano Manzato

 

Finalmente si potrà entrare in una banca senza turarsi il naso e senza dover tacitare con mille alibi la nostra coscienza, finalmente qualcuno conserverà e/o investirà i nostri risparmi con la stessa sensibilità e oculatezza con cui lo faremmo noi stessi.

Riportiamo qui di seguito alcune note tratte dai bollettini d’informazione della “Cooperativa verso la Banca Etica”:

Nel 1994, un ampio movimento di realtà impegnate nel sociale, la cooperazione e l’ambiente lanciano il progetto Banca Etica con forma di banca di credito cooperativo, con il proposito di dare uno strumento concreto ad un nuovo modo di pensare l’economia e la finanza. Sindacati, cooperative sociali, enti locali, associazioni e ONG, tutte realtà con forte radicamento sul territorio e con una rilevante dimensione sociale, partecipano a questa ambiziosa iniziativa, seguendo le esperienze delle Mutue Autogestite (MAG) in Italia e delle banche alternative nel resto del mondo.

Nel ‘96 il progetto Banca Etica si indirizza verso la costituzione di una banca popolare che permetta una più solida presenza su tutto il territorio nazionale. Per la sua costituzione la normativa richiede un capitale minimo di 12,5 miliardi (al 15 - 5 - 97 sono stati raccolti 6.182.700.000, ndr).

Scrivono ancora i promotori del progetto:

Vogliamo costruire uno strumento finanziario inedito nell’attuale sistema italiano: una banca che metta le proprie risorse a disposizione della crescita dell’economia sociale.

Così la Banca Etica darà credito a quelle realtà fondate su valori come la solidarietà, l’attenzione al disagio, la conservazione e lo sviluppo dell’ambiente, la promozione di una imprenditorialità legata al rispetto dei diritti di tutti.

La Banca Etica metterà al primo posto due aspetti:

* la tutela e il rispetto degli indirizzi dei risparmiatori attraverso una corretta gestione economica, finanziaria e patrimoniale;

* il rapporto fiduciario come base per la concessione dei crediti all’interno dei parametri di eticità;

La ricchezza di una comunità, di un popolo, non è determinata solo dal possesso di beni, ma soprattutto dai suoi valori, dalla sua cultura, dalla solidarietà che sa esprimere, da una natura integra, dalla capacità di produrre risparmio. Nel sistema economico nel quale viviamo la responsabilità di un uso corretto o scorretto del denaro è anche nostra: come semplici risparmiatori, siamo noi a fornire la “materia prima” dei mercati finanziari. La società civile ha affidato alle banche il compito di trasferire il denaro dei risparmiatori a soggetti che ne hanno bisogno per sviluppare progetti, attività economiche, servizi. Il risparmio, dunque, non è solamente un semplice e neutro bene, ma acquista valenza etica quando il suo uso contribuisce a creare le premesse per la costruzione di un futuro dignitoso per tutta la comunità. Ecco che la finanza etica si impegna, nei confronti del risparmiatore, non solo a garantire nel tempo il valore del denaro affidatogli, ma anche a porre lo sviluppo economico al servizio dell’uomo. Per tutto ciò vogliamo ridare alla parola credito il suo signifiicato originale: dare fiducia e ricevere fiducia. Dare speranza a chi ne ha bisogno e valorizzare la diversità, promuovere e sostenere l’occupazione e la cultura, tutelare l’ambiente

Sottoscrivendo quote di capitale sociale, il cui taglio minimo è di £ 100.000 e il massimo di 8O milioni per le persone fisiche, si diviene soci della Cooperativa Verso la Banca Etica, contribuendo all raccolta dei 12,5 miliardi di lire necessari alla sua costituzione. Dopo, sarà una banca  in grado di fornire servizi come le altre: sportelli, conti correnti ecc. ecc.

Non possiamo non consigliare caldamente a tutti i nostri lettori di aderire a questa iniziativa.

Per informazioni contattate la nostra Redazione oppure:

Cooperativa verso la Banca Etica - Piazzetta Sartori, 17 - 35137 Padova - tel.: 049-651158 - fax: 049-664922 - E-mail: BancaEtica@cdc.it - http:/www.citinv.it/iniziative/equo/be.htm