diritti  e  solidarietà

DeS telematico

ORGANO UFFICIALE

N° 32/2002 - anno VIII

La nuova legge sull’assistenza
Riforma o “controriforma” ?

di Paolo Cozzi Lepri

Non accennano a placarsi le polemiche e le discussioni in merito alla Legge 328 dell’8.11.2000 (Turco – Signorino) “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali”. Anche in aula il dibattito è stato molto acceso; erano più di mille gli emendamenti presentati da parlamentari e forze politiche. Tra i primi, come sapete, a criticare aspramente questa Legge, è stato il nostro amico del CSA Francesco Santanera con puntigliosa precisione e la solita caparbietà. Non si è limitato però a generiche contestazioni ma ha circostanziato le sue critiche entrando nel merito dell’articolato di Legge sollevando questioni di estremo interesse, sia di carattere economico, sulla destinazione delle IPAB, che nel merito dei diritti esigibili da parte delle fasce più svantaggiate. In pochi lo hanno seguito.  Alla manifestazione di Roma del mese di settembre, alla quale anch’io ho partecipato, si è avuta la netta impressione che la stragrande maggioranza delle Associazioni e dei Sindacati fosse dall’altra parte della barricata.Come spiegare questa  grave contraddizione tra Associazioni del cosiddetto Terzo Settore e Associazioni della Tutela dei diritti che, sulla carta, dovrebbero entrambe avere a cuore i diritti e le sorti delle fasce di popolazione più svantaggiate?

segue

editoriale
la nuova legge sull'assistenza

Federalismo sociale,
nuova prospettiva per la democrazia
 

Le proposte di referendum della regione Veneto sul fede- ralismo hanno riacceso un di- battito che si ripresenta cicli- camente da quando la Lega Nord ha sollevato il proble- ma.  Tutti coloro che parlano di federalismo  inten- do no con esso un federalismo a ca- rattere territoriale. Invocando differenze etniche, culturali ed economiche avanzano l’esigen- za di articolare lo stato nazio- nale in entità regionali a forte autonomia, con la gestione di buona parte delle risorse derivante dalle tasse.  Per definizione la cosa pubblica migliorerebbe se gestita diret- tamente, mentre il governo centralistico sarebbe sinonimo di inefficienza e burocratizza- zione.  Sull’utilità di una responsabilizzazione degli enti locali e delle regioni nessuno di noi ha dubbi, come pure sull’utilità di gestire in modo decentrato i servizi.         segue

la legge sull'assistenza (scheda)
geriatria
rsa, cosa sono?
il medico di M.G.
infermieri cercansi
DNA e bioetica
lotta al fumo
i giovani e la politica
riforma dei cicli scolastici
immigrazione
danni da vaccino
Narrative Based Medicine
convegno sperimentazione
redazione e abbonamenti

home | chi siamo | lo statuto i nostri esperti | dimissioni selvagge | sangue infetto | sperimentazione clinica | qualità | storia del SSNmobbing | des


La questione non mi sembra irrilevante anzi; su questa materia si gioca e si giocherà il futuro di una parte dell’associazionismo e la sorte di molti nostri concittadini che usufruiranno dei servizi sociali. Tenterò di fare alcune riflessioni e di elaborare una proposta di posizione da tenere come Movimento dei Cittadini. 

1) La prima osservazione è di carattere economico. Come sapete, ormai da tempo, gli enti locali e in particolare i Comuni, quando si tratta di erogare servizi come l’assistenza domiciliare agli anziani, mense per i poveri, assistenza ai barboni e ai tossicodipendenti ecc. molto spesso delega tutte queste attività ad Cooperative attraverso appositi appalti. Questo fenomeno è in continua crescita anche perché paga in termini di posti di lavoro e quindi di voti e risulta, in fin dei conti, più economico, rispetto allo stesso servizio gestito dal pubblico. Inoltre offre il vantaggio, per il potere politico, di governare comunque un settore che è possibile gestire solo disponendo di personale altamente motivato e formato. Non è un mistero per nessuno che questo personale è contiguo alle Associazioni del Terzo settore. Fin qui nulla di nuovo, direte voi; il problema nasce infatti non dal dissidio pubblico/privato ma dal fatto, anche questo ben conosciuto dagli esperti del settore, che spesso le cosiddette Cooperative, essendo gli appalti al massimo ribasso, non possono garantire la qualità del servizio. Ad esempio lo stipendio di un fisiokinesiterapista diplomato, assunto con questo sistema, non supera in media £ 1.200.000. Cosa c’entra tutto questo con la legge sull’assistenza? Una legge che non mette nessun paletto sui diritti esigibili, sui servizi obbligatori per legge, sugli standards  di questi servizi, va benissimo per lasciare tutto come prima e più di prima nel senso che molte Associazioni con grossi budget e giri di Cooperative sono molto interessate a questa impostazione che permette loro di fare business nell’ambito dell’assistenza. Inoltre queste Associazioni hanno una fame insaziabile di spazi ed immobili a basso costo (non saranno per caso interessate ad acquisire parte dei beni immobili delle disciolte IPAB?).

Guarda caso, chi difende i principi e i diritti e non ha cooperative si è dimostrato contrario alla legge mentre i più grandi sostenitori della “Riforma” sono stati l’AUSER (Associazione dello SPI-CGIL) e i Sindacati. A proposito lo sapevate che molti sindacalisti sono anche soci di molte Cooperative sociali che pagano in nero i loro dipendenti?

 2) E’ uno scontro tra due culture. Una “sessantottina” , “rifondaiola e Bertinottiana”, rispettabile e fondata su principi ben chiari anche se col rischio di apparire ideologica ed astratta, l’altra “consociativa”, di linguaggio “politico-sindacalese” che non guarda mai alla lettera di ciò che è sancito dalla Legge ma si rifà ai grandi principi democratici e costituzionali, che rischia però la demagogia, il pressappochismo, la superficialità se non, peggio, il bieco interesse di parte.            Il dibattito al quale abbiamo assistito e al quale abbiamo partecipato attraverso le pagine della nostra rivista si è svolto, a mio parere, in maniera del tutto paradossale. E’ stato un dialogo tra “sordi”; da una parte tra chi citava articoli di legge contestando le ricadute concrete a danno dei cittadini, dall’altro chi decantava la modernità e l’indispensabilità della “Riforma” guardandosi però bene dall’entrare nel merito delle contestazioni. Mala fede? Analfabetismo giuridico? Interessi di parte? Approccio ideologico ed astratto? Forse un po’ di tutto ciò ed anche di altro. E’ certo però che da alcuni anni, questo è un fatto incontestabile,  stiamo assistendo ad un arretramento rispetto alle grandi riforme del passato come la L.833 e la L. 180 che con tutti i loro difetti erano comunque leggi che hanno rappresentato un grande passo avanti sull’esigibilità dei diritti. Cionondimeno è incontestabile che c’era e c’è bisogno di una Riforma vera nel campo dell’Assistenza.     Meglio una brutta legge recente subito o una vecchissima legge ormai superata? Il CSA non ha dubbi. E’ un arretramento rispetto alla Legge Crispi. Molti dei sostenitori della Legge tuttavia hanno utilizzato quest’argomento per sostenere che il Sig. Santanera è un esagerato, malato di ideologismo. E’ sufficiente il fatto che una legge sia più recente per sostenere che sia migliore ? La storia ci insegna che non è così; fatto il ’68 in molti, a cominciare dalla sinistra, hanno cominciato a disfarlo.

 3) Ma noi da che parte stiamo ? Io penso che il Movimento dei Cittadini non deve scandalizzarsi se una parte del Terzo settore pensa ed agisce per fare in modo che il cosiddetto Stato Sociale sia gestito dal Privato sociale. La cosa invece che ci deve scandalizzare è l’abdicazione comoda dello Stato e la completa “deregulation” a cui andrà incontro questo settore dopo l’approvazione della Legge. A noi sta bene che il privato gestisca a patto che lo Stato detti i principi, descriva i diritti, definisca i servizi obbligatori e fissi gli standards. Ma se lo Stato abdica a questa funzione, non definisce, lascia nel vago, depaupera le risorse allora dobbiamo seriamente preoccuparci. Se aggiungiamo a questo il provincialismo imperante, il federalismo selvaggio, le differenze sociali tra Nord e Sud abbiamo un quadro allarmante della situazione che ci fa ritenere che le diseguaglianze tra i “sommersi” e i “salvati “ aumenteranno. Ci saranno sempre più servizi di serie A e di serie B. In sanità è già così. Con l’introduzione dell’intra-moenia chi può ottiene la visita in tempi brevi; chi non può aspetta. Dobbiamo essere vigilanti. Invito tutti gli amici del Movimento a verificare l’applicazione di questa legge a partire dallo spirito che ci ha sempre animato e che dà il titolo alla nostra rivista: “Diritti e Solidarietà”. Sollecito quindi tutti a non abbassare la guardia, ad essere attenti ai cambiamenti che saranno presi in conseguenza della nuova normativa, a segnalarmi quindi esempi di come nel concreto verrà applicata questa legge. Questo mi sembra veramente importante; dopo il “dialogo tra sordi” proseguiamo il dibattito nel concreto, su casi concreti, su emergenze sociali e su bisogni reali a cui nessuno da risposta. Del resto anche l’uomo più ricco d’Italia lo afferma in suo recente manifesto: “UN DOVERE ASSOLUTO, AIUTARE CHI E’ RIMASTO INDIETRO”. Se lo dice “Lui”!

vai al sommario

segue editoriale

Il problema è ben diverso invece quando per federalismo si intendono regioni come piccole nazioni che gestiscono in toto le proprie risorse, con servizi come la scuola o la sanità senza alcun coordinamento sul piano nazionale. In un paese come il nostro dove è tradizionalmente forte il campanilismo localistico e esiste una divisione Nord / Sud ancora forte sul piano economico, introdurre forme accentuate di autonomia ci porterà ad aggravare una situazione già oggi difficile.

Questo tipo di federalismo soprattutto non introduce alcun vero cambiamento nel rapporto tra cittadini e istituzioni, perché tende a riprodurre in piccolo la separazione esistente e crescente fra i cittadini e la politica gestita dai partiti in modo verticale.  Se vogliamo veramente innovare questo rapporto tra cittadini e gestione della cosa pubblica dobbiamo spingersi verso le vere nuove frontiere della partecipazione civile: il federalismo “sociale”.

Per federalismo sociale intendiamo l’introduzione di meccanismi di articolazione del potere che coinvolgano la società civile, attraverso l’associazionismo delle professioni, del volontariato, delle organizzazioni di tutela, di iniziativa civica. La società è ricca di queste forme di partecipazione, che però si arrestano sulla soglia della politica, sia perché per loro natura ne diffidano ritenendo la politica di per sé corrotta, sia perché sono spinte a comportamenti a volte chiusi e poco trasparenti da una gestione monopolistica della politica da parte dei partiti, i quali hanno la pretesa di pronunciarsi sull’universo mondo senza interpellare e coinvolgere gli specialismi. Questo federalismo che punti a una democrazia associativa, all’interno di regole comuni, fondate sui diritti di cittadinanza senza frontiere, può innescare meccanismi di autogoverno che permettano di sviluppare appieno le risorse di conoscenza e di relazione proprie di una società complessa che altrimenti rischia di implodere in forme di anarchia o di separatezza perché la politica tradizionale non riesce più a rappresentare il tessuto siociale.

Federalismo sociale e federalismo territoriale possono essere in ultima analisi le due dimensioni (orizzontale e verticale) attraverso cui declinare il vero rinnovamento della democrazia, lontani da spinte neonazionalistiche territoriali, per andare verso integrazioni articolate delle espressioni associative dei cittadini sia sul piano locale che su quello nazionale.

vai al sommario

home | chi siamo | lo statuto i nostri esperti | dimissioni selvagge | sangue infetto | sperimentazione clinica | qualità | storia del SSNmobbing | des

scheda

LA NUOVA LEGGE SULL’ASSISTENZA
COSA DICE LA LEGGE

 Principi generali e finalita’

La “legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali” n. 328 del 8.11.2000, fa riferimento agli articoli 2,3 e 38 della Costituzione per chiarire principi generali e finalità che si propone di realizzare. Questi, indicati nell’articolo 1, sono: l’assicurare alle persone e alle famiglie un sistema integrato di interventi e servizi sociali, per garantire la qualità della vita, pari opportunità, non discriminazione e diritti di cittadinanza, per previene, eliminare o ridurre le condizioni di disabilità, di bisogno e di disagio individuale e familiare, derivanti da inadeguatezza di reddito, difficoltà sociali e condizioni di non autonomia.

L’attuazione di questo sistema integrato di interventi e servizi sociali compete agli enti locali, alle regioni e allo Stato, che però riconoscono e agevolano il ruolo degli organismi non lucrativi di utilità sociale, degli organismi della cooperazione, delle associazioni e degli enti di promozione sociale, delle fondazioni e degli enti di patronato, delle organizzazioni di volontariato, degli enti riconosciuti dalle confessioni religiose con le quali lo Stato ha stipulato patti, accordi o intese. Perciò la gestione e l’offerta dei servizi può essere fatta sia da enti pubblici che da enti priviti

La legge promuove, inoltre, la partecipazione attiva dei cittadini, il contributo delle organizzazioni sindacali, delle associazioni sociali e di tutela degli utenti per il raggiungimento dei fini istituzionali.

Il diritto alle prestazioni

L’articolo 2, stabilisce che hanno diritto di usufruire delle prestazioni e dei servizi:

1) i cittadini italiani e, nel rispetto degli accordi internazionali, con le modalità e nei limiti definiti dalle leggi regionali, anche i cittadini di Stati appartenenti all’Unione europea ed i loro familiari, nonché gli stranieri. Ai profughi, agli stranieri ed agli apolidi sono garantite le misure di prima assistenza, secondo il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;

2) I soggetti in condizioni di povertà o con limitato reddito o con incapacità totale o parziale di provvedere alle proprie esigenze per inabilità di ordine fisico e psichico, con difficoltà di inserimento nella vita sociale attiva e nel mercato del lavoro, nonché i soggetti sottoposti a provvedimenti dell’autorità giudiziaria che rendono necessari interventi assistenziali, accedono prioritariamente ai servizi e alle prestazioni.

L’assetto istituzionale, le funzioni e il finanziamento.

Con gli articoli 6, 7, 8 e 9, il disegno di legge assegna le funzioni ai vari soggetti istituzionali (comuni, province, regioni, Stato) responsabili dell’organizzazione del sistema integrato, per la cui compiuta organicità si rimanda all’adozione di strumenti di programmazione e di gestione, quali il Piano Nazionale degli interventi e dei servizi sociali a cui debbono far riferimento le Regioni nell’approntare il Piano regionale (art. 18). E’ altresì prevista, a cura dei comuni associati, la definizione dei Piani di Zona (art. 19).

Le risorse finanziarie indispensabili per la realizzazione del sistema sono di due tipi: il primo è rappresentato dalle dotazioni messe a disposizione da comuni e regioni in relazione alle loro competenze e responsabilità (articolo 4), il secondo dalla istituzione del Fondo nazionale per le politiche sociali (articolo 20).

Altre disposizioni

- La prima riguarda gli Ipab (Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza), per le quali negli articoli 10 e 11 sono previste novità che riguardano il loro stato giuridico, l’inserimento nella programmazione, la riconversione patrimoniale, l’adeguamento strutturale, “assicurando autonomia statutaria, patrimoniale e contabile” e le modalità di autorizzazione e di accreditamento. Tutto ciò, attraverso l’emanazione di un decreto legislativo.

- La seconda, la definizione e la formazione delle figure professionali sociali (articolo 12).

- La terza, l’adozione, anche questo tramite l’emanazione di un decreto, della Carta dei servizi sociali che ogni ente erogatore di servizi dovrà elaborare (articolo 13). Nella carta dei servizi sociali sono definiti i criteri per l’accesso ai servizi, le modalità del relativo funzionamento, le condizioni per facilitarne le valutazioni da parte degli utenti e dei soggetti che rappresentano i loro diritti, nonché le procedure per assicurare la tutela degli utenti. Al fine di tutelare le posizioni soggettive e di rendere immediatamente esigibili i diritti soggettivi riconosciuti, la carta dei servizi sociali, ferma restando la tutela per via giurisdizionale, prevede per gli utenti la possibilità di attivare ricorsi nei confronti dei responsabili preposti alla gestione dei servizi.3. L’adozione della carta dei servizi sociali da parte degli erogatori delle prestazioni e dei servizi sociali costituisce requisito necessario ai fini dell’accreditamento.

- La quarta, una serie di disposizioni per la realizzazione di particolari interventi di integrazione e sostegno sociale “nell’ambito delle risorse disponibili”, nelle quali sono contemplati la predisposizione di progetti individuali per le persone disabili, l’attuazione del sostegno domiciliare per le persone anziane non autosufficienti (cui il Ministero della Solidarietà sociale destina annualmente la quota del Fondo nazionale per le politiche sociali da riservare), le azioni di sostegno e di valorizzazione delle responsabilità familiari e, infine, la previsione di concessione di titoli per l’acquisto di servizi sociali (articoli 14, 15, 16 e 17).

- La quinta, l’istituzione del sistema informativo dei servizi sociali e della Commissione di indagine sulla esclusione sociale (articoli 21 e 27).

- La sesta, la definizione del sistema integrato di interventi e servizi sociali e cioè del livello essenziale delle prestazioni sociali erogabili, sempre sotto forma di beni e servizi (articolo 22) e le misure di contrasto alla povertà ( come il “reddito minimo di inserimento”) e il riordino degli emolumenti economici assistenziali (articoli 23, 24, 25 e 26).

- La settima, lo stanziamento di 20 miliardi “per interventi urgenti per le situazioni di povertà estrema e alle persone senza fissa dimora”.

 

vai al sommario

La nuova legge sull’assistenza:
Pregi e limiti

di Roberto Buttura

 Il 18 ottobre, con il voto favorevole della maggioranza di centro sinistra, l’astensione del centro destra e quello contrario della Lega e di Rifondazione comunista, è stata approvata dal Senato e resa operante la “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali”.     
     In questa legislatura, diversamente dalle precedenti, il tentativo di dare corpo ad una legge organica nel settore dell’assistenza, che costituisce parte integrante del cosiddetto Stato sociale, è andato a buon fine.
     Non c’è che da rallegrarsene, tenendo nel debito conto che il valore etico dell’assistenza alla persona, pur richiamato espressamente nella Costituzione, non aveva trovato, fino al 18 ottobre, organica attuazione legislativa.
     In questi anni, quindi, le risposte alla complessità dei problemi di rilevanza sociale presenti nella società, sono state date da Istituzioni pubbliche, associazioni e strutture volontariali, che si sono prodigate con grande impegno, ma, in casi non rari ed in ogni caso non per loro colpa, in modo scoordinato, generoso ma con limitata efficacia, impetuoso ma dequalificato.
     Era assolutamente indispensabile porre fine ad un tale stato di cose, approvando una legge avente lo scopo di precisare i diritti, indicare le competenze e le responsabilità, assicurare le risorse, garantire la gestione.

A tale proposito, la nuova legge porta in sé alcuni elementi positivi quali:ì

·        la realizzazione di una rete organica dei servizi, che rende concreto l’esercizio del diritto all’assistenza da parte della persona svantaggiata;
·       
la conseguente lotta contro gli sprechi e gli sperperi, che sono presenti e che vanno combattuti ed eliminati;
·       
la certezza trasmessa a tutti coloro che operano nel settore, dell’utilità della propria collaborazione, ai fini del miglioramento complessivo della società.

L’approssimarsi della fine legislatura, con la possibilità di non approvare la legge, ha impedito, purtroppo, una lettura ed un approfondimento più attento del testo, che ha mantenuto alcuni oggettivi ostacoli che possono frapporsi alla sua completa attuazione. Essi sono rappresentati:

·        dalla scarsa organicità dell’attuale legislazione, derivante da una complessa e difficile situazione politica. Si pensi ad esempio che, nel mentre è stato sciaguratamente soppresso con altra legge ed in omaggio ad uno sgangherato federalismo, il Fondo sanitario nazionale, con questa s’istituisce il Fondo nazionale per i servizi sociali;
·       
dalla difficoltà di individuare e circoscrivere in modo preciso gli interventi con valenza sociale e di sciogliere nella chiarezza alcuni nodi riferiti all’obbligatorietà degli interventi ricadenti nella sfera dei diritti;
·       
dalla difficoltà d’integrazione legislativa delle funzioni sociali e sanitarie, problema che fa capo alla prima considerazione;
·       
dall’importanza di definire alcuni aspetti riguardo alla riaffermazione della natura pubblica delle Ipab;
·       
dalla scarsità delle risorse finanziarie previste per l’attuazione delle rete dei servizi.

Rimane, in ogni modo, fondamentale il fatto che si è riusciti, per la prima volta (tentativi c’erano stati in tutte le legislature) ad approvare una legge organica sull’assistenza, che, tra l’altro, abroga definitivamente provvedimenti come la legge Crispi del 1890, e che costituisce un ulteriore positivo tassello mirato al riordino dello Stato sociale e all’allargamento della sfera dei diritti e del loro eventuale godimento. 

 

home | chi siamo | lo statuto i nostri esperti | dimissioni selvagge | sangue infetto | sperimentazione clinica | qualità | storia del SSNmobbing | des

Diritti del malato 

Il medico generale e le nuove realta’ sociali

Convegno della SIMG a Orvieto

 Che siano i cittadini a rivendicare una medicina attenta alla nuova realtà sociale è cosa normale, molto meno usuale che a farlo siano i medici stessi. E’ quanto è successo invece nell’incontro promosso a Orvieto il 21 ottobre 2000 dalla SIMG, Società Italiana di Medicina Generale. A fare il quadro sulla situazione attuale della società erano stati chiamati, oltre al Presidente della SIMG, Claudio Cricelli, Mons. Vincenzo Paglia, ispiratore della Comunità di San Egidio e vescovo di Terni, il prof. Tullio Seppilli, dell’Università di Perugia, esperto di antropologia medica, la prof.ssa Nerina Dirindin, docente di Economia nell’Università di Torino, Stefano Inglese del Tdm, che però non è intervenuto perché malato.

Mentre il presidente Cricelli ha sostenuto che “la medicina è una politica sociale”, perché i sistemi sanitari riflettono i sistemi sociali e quindi la medicina deve essere una scienza sociologica e antropologica che affronta le nuove tematiche di frontiera, quali la bioetica e il problema dell’immigrazione, Mons Paglia ha affermato che la solidarietà è il tema attorno al quale oggi ci si scontra. Nel suo intervento, dopo aver fatto un quadro delle condizioni drammatiche in cui versano miliardi di persone, con centomila morti ogni giorno per fame (una bomba atomica al giorno), ha sottolineato che il fenomeno più preoccupante è “la cultura del disprezzo” che viene coltivata verso i più deboli. Siamo di fronte ad un “egoismo teorizzato”, con un culto del benessere materiale che tende ad annullare le culture. La vita, invece, ha detto Mons Paglia ha una “dimensione universale”.

L’intervento della la prof.ssa Dirindin, trattando degli aspetti economici della sanità, ha messo in luce il fatto che gli economisti sanitari spesso si perdono nei piccoli problemi di risparmio e perdono di vista la prospettiva generale. A suo avviso le aziende sanitarie hanno gli stessi problemi delle grandi aziende private e non è detto che siano meno efficienti di queste ultime. Efficienza ed equità, però, non vanno sempre di pari passo, per cui bisogna realizzare un mix delle due. Per la prof. Dirindin se è finito il tempo “del tutto a tutti, subito e gratis”, bisogna però tener presente che la sanità ha già dato un notevole contributo al contenimento del debito pubblico; il problema oggi è di spendere meglio e di evitare che il federalismo fiscale, che viene proposto da alcuni, non vada a ingessare il dualismo del sistema italiano fra Nord e Sud del paese, invece di aiutare il suo superamento.

“Nelle cattedre universitarie prevale la biomedicina”, ha dichiarato nel suo intervento il prof. Seppilli, ma questa medicina è parziale, non scientifica. Già Freud aveva sostenuto che “la prima medicina è il medico stesso”. Perciò sono necessarie competenze complesse per trattare le dinamiche medico-paziente, perché esse riflettono il contesto storico-sociale. Il rapporto medico-malato, infatti, è un rapporto fra culture e persone. Inoltre, ha evidenziato il prof. Seppilli, l’interculturalità non l’hanno inventata gli extracomunitari, c’era anche prima, fra veneti e siciliani la differenza era maggiore di quella fra veneti e francesi. Siamo di fronte a 120 etnie di immigrati e non possiamo pensare che ci si debba attenere né solo alla nostra cultura né solo alla loro. Negli stessi immigrati c’è insieme nostalgia e rifiuto del proprio paese; vanno ricercate “aree culturali comuni”. Quello che non bisogna dimenticare è che nel rapporto medico-paziente la “cultura del paziente è fondamentale. Sono importanti perciò i “mediatori culturali” dentro gli ospedali, ma anche valorizzare la funzione degli infermieri. Da questa attenzione alla cultura del malato hanno da guadagnare anche i pazienti italiani. Anche di fronte agli apporti delle medicine non occidentali o agli aspetti psicologici della malattia bisogna tenere un comportamento scientifico, verificando senza pregiudizi se funzionano.

Durante il dibattito sono intervenuti fra gli altri Gloria Malaspina, responsabile nazionale del Dipartimento Salute della CGIL, il sen. Antonio Tomassini della Commissione Sanità del Senato e Antonio Giolo, presidente del Movimento dei Cittadini. Dopo aver riscontrato notevole sintonia tra le analisi emerse nell’incontro e l’elaborazione politico-culturale sviluppata dal Movimento dei Cittadini, Giolo ha rilevato che il nuovo contesto della globalizzazione esige una politica fondata su un nuovo paradigma, quello dei diritti senza frontiere. La stessa crisi della partecipazione politica un tempo veicolata dai partiti richiede nuove forme di rappresentanza, che possono essere interpretate dalla “democrazia associativa”. Giolo ha ricordato  che i medici oggi si trovano di fronte cittadini più informati, più critici, meno obbedienti, disposti a rivolgersi a medicine tradizionali e a quelle non convenzionali. Che cercano comunque un rapporto soddisfacente col medico di medicina generale, per cui se non trovano risposte convincenti si rivolgono altrove. E non sempre il rapporto col medico di base si presenta facile, a partire dalla accessibilità, per gli orari limitati di apertura degli ambulatori, per la scarsa diffusione della medicina di gruppo. Antonio Giolo ha accennato inoltre all’indagine sulla sperimentazione clinica che il Movimento dei Cittadini ha svolto a livello nazionale insieme all’Istituto farmacologico Mario Negri, in cui, fra le altre cose, è stato chiesto ai cittadini se sarebbero disponibili a una sperimentazione seguita dai medici di base.

Ha chiuso il convegno una tavola rotonda con Ovidio Brigoli, vice presidente SIMG, Maurizio Mori, della Consulta di Bioetica di Milano, Itala Turco di Farmindustria, in cui è emersa la trasformazione che sta subendo il ruolo del medico di medicina generale, a causa di quella che il dott. Mori ha chiamato la “secolarizzazione della salute”, con la scissione dei tre aspetti della medicina: l’aspetto scientifico, quello psicologico e quello magico.

Di fronte alle nuove sfide dalla multiculturalità, dell’informazione sanitaria via Internet,  delle questioni etiche poste dalle nuove tecnologie, è risultato chiaro nel convegno che il medico di base è chiamato ad un aggiornamento continuo e a un rapporto di ascolto nei confronti del contesto sociale in cui opera..

T.G.

vai al sommario

home | chi siamo | lo statuto i nostri esperti | dimissioni selvagge | sangue infetto | sperimentazione clinica | qualità | storia del SSNmobbing | des

Infermieri cercansi
di Ivano Manzato

Emergenza infermieri! Mancano 50.000 infermieri in Italia! Se continua così dovremo farci curare dagli infermieri extracomunitari! …Titoli e titoloni per due - tre mesi e poi il silenzio, con la situazione che nel frattempo continua ad aggravarsi perché il numero dei neo diplolaureati infermieri che escono dalle università non riesce a sostituire il numero di quelli che nel frattempo vanno in pensione.

Si sente sempre più spesso proporre come soluzione l’assunzione di un maggior numero di Operatori Tecnici Addetti all’Assistenza (OTAA) i quali, togliendo all’infermiere tutte le incombenze di natura alberghiera (pulizia dei malati, cambio dei letti, somministrazione del cibo ecc.) gli lascerebbero più tempo per seguire i lavori di propria specifica competenza e quindi  occorrerebbero meno infermieri in corsia. Questa proposta potrebbe alleviare un po’ l’attuale sovraccarico degli infermieri ma non sarebbe ancora la soluzione

1°- perché per formare OTAA che siano all’altezza del compito loro assegnato, in grado di supportare l’infermiere, magari essere messo in turno assieme a lui, non bastano le poche settimane di tirocinio del corso;

2°- anche i corsi per OTAA non sfornano personale sufficiente a coprire il fabbisogno attuale, tantomeno, penso, per eventuali aumenti di richiesta;

3°- non ne vengono assunti neanche adesso per i “normali” fabbisogni, a causa della cronica povertà delle ULSS, figuriamoci dopo! 

Neanche questa è la soluzione al problema.
E allora? E allora bisogna assolutamente:

A.     sbloccare il numero chiuso dei corsi universitari;
B.     rivedere l’attuale retribuzione degli infermieri così da incentivare i giovani ad intraprendere questa
       professione;
C.     assumere impiegati e far uscire da uffici e ufficietti tutti gli infermieri che vi lavorano attualmente;
D.     chiudere gli ospedali inutili e utilizzare altrove gli infermieri;

E.     
se poi fosse vero che al sud ci sono infermieri in cassa integrazione …

vai al sommario

Anche gli infermieri sono responsabili dei pazienti

Gli infermieri sono “portatori di una posizione di garanzia nei confronti dei pazienti loro affidati” allo stesso livello dei medici ed hanno il preciso dovere di eseguire prontamente tutte le disposizioni necessarie alla tutela della salute dei malati. Non possono quindi fare lo “scaricabarile” trasferendo gli ordini ricevuti ad altri colleghi, ma devono eseguirli in prima persona nel contesto del loro orario di servizio. Questa precisa indicazione viene data dalla Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione, che ha confermato, con la sentenza n. 9638/2000, la condanna per omicidio colposo inflitta a tre infermieri del pronto soccorso del Policlinico di Bari che non avvisando con il citofono il medico internista, come era stato detto loro di fare dal medico di guardia, avevano lasciato senza cure né assistenza un marinaio di leva portato d’urgenza in ospedale perché, cadendo dal treno in stazione, aveva preso un forte colpo in testa.

Il giovane era stato lasciato solo per tre ore su una sedia a rotelle, fino a quando un poliziotto non si era accorto che il ragazzo non dava segni di vita. Gli infermieri, che non avevano avvisato l’internista e si erano limitati a passarsi la consegna, sono stati chiamati a rispondere della morte del paziente, della cui salute erano garanti al pari dei medici.

home | chi siamo | lo statuto i nostri esperti | dimissioni selvagge | sangue infetto | sperimentazione clinica | qualità | storia del SSNmobbing | des

E’ auspicabile il rimborso dei farmaci antifumo

Per combattere il tabagismo
di Anna Orrù, presidente del M.C.

 Una degli obiettivi del Movimento dei Cittadini è quello di promuovere e sostenere le campagne di prevenzione delle malattie, in modo particolare quelle di grande rilevanza sociale, come è per esempio la dipendenza da tabacco.

Infatti il tabagismo deve essere considerato come una vera malattia, in quanto rappresenta uno dei fattori di rischio più rilevanti di tumori delle vie aeree, di pneumopatie croniche e di malattie cardiovascolari, malattie che comportano alti costi personali e per la comunità, siano essi costi umani e/o economici.

Fortunate coincidenze si sono verificate ultimamente per riproporre ai cittadini questo problema di grande importanza per la salute. Già il piano sanitario nazionale 1998-2000 del Ministro Bindi, conosciuto con il nome di “patto di solidarietà per la salute”, nel capitolo della promozione di comportamenti e stili di vita per la salute, assegna il secondo posto dei fattori di rischio al fumo. Il Ministro Veronesi ha ripreso questo argomento con la passione dell’oncologo; inoltre recentemente ha proposto che con col gennaio 2001 vengano aboliti i ticket per le prestazioni finalizzate alla prevenzione. Per ultimo, di recente, è apparso sul mercato italiano un farmaco che sia negli Stati Uniti che in altri Stati europei ha dato prova di contrastare la disassuefazione da nicotina.

Data la rilevanza della campagna di prevenzione, ci sentiamo di sostenere la proposta di rimborso da parte del SSN di farmaci “antifumo” (così come avviene in Inghilterra), purché la somministrazione avvenga sotto la responsabilità e lo stretto controllo del medico di medicina generale, per fumatori decisamente motivati alla disassuefazione, quindi con il supporto   psicologico adeguato.

E’ opportuno che Associazioni come il Movimento, si impegnino in ogni modo a sollecitare nei cittadini la presa di coscienza del problema perché non sono né le politiche sanitarie avanzate né le facilitazioni economiche a determinare il successo della prevenzione, se non c’è l’impegno personale e la responsabilità di ogni individuo. Lo ha dimostrato l’universo femminile, che impegnandosi massicciamente ha abbattuto la morbilità per tumore del seno e dell’apparato genitale.

A seguito di questa breve nota, pubblicheremo dati e approfondimenti sul tema, riservandoci pure di intervenire sulla prevenzione primaria, ossia di diffondere tra i giovani la necessità di rinunciare a questo piacere, per la salvaguardia della salute loro e per il rispetto degli altri. 

vai al sommario

Scuola in agitazione
Riformare i cicli, evitando la demagogia

 “La cultura è uno dei settori strategici per lo sviluppo della società” abbiamo scritto nelle Linee guida del Movimento dei Cittadini. Quanto è avvenuto in quest’anno ha confermato pienamente come la scuola sia sempre più al centro del dibattito politico. Prima il varo dell’autonomia, entrata in vigore dal settembre scorso, poi le polemiche sul concorsone, sui 6 milioni al 20 % degli insegnanti più bravi da selezionare con un concorso, oggi il confronto sulla riforma dei cicli, le agitazioni della categoria che chiede aumenti di stipendio. Chi opera nella scuola ha la sensazione di vivere in una condizione di terremoto. Si sa che nel pubblico impiego ci sono anche i furbi che sanno ritagliarsi il loro angolo in cui rifugiarsi, sanno adottare abili strategie di difesa finché non sia passata “la nottata”, magari per continuare come prima a dispetto di pedagogie, nuove leggi, nuovi programmi. Questa volta sarà un po’ più difficile, perché la riforma dei cicli, insieme a quella dell’autonomia, sta cambiando la scuola da cima a fondo; è la riforma più profonda da quella di Giovanni Gentile agli inizi del fascismo, nel 1923. Mentre la scuola dell’obbligo, sia elementare che media, aveva subito frequenti innovazioni di programmi e di ordinamento, la scuola superiore era rimasta la stessa da allora. In realtà le molte e spesso generose ma disordinate sperimentazioni avevano cambiato molto gli istituti superiori, ma l’impianto di fondo era rimasto lo stesso. Ora finalmente si cambia. Anche se lo scontro politico sta mettendo una seria ipoteca e c’è il rischio che l’alleanza, frequente in Italia, fra l’opposizione di destra e di sinistra lasci le cose come stanno, al 1923 appunto.

Non è più sostenibile la divisione in due cicli della scuola di base, cicli nati in epoche di scuola elitaria, in cui la maggior parte a malapena arrivava alla quinta elementare. Come non è più sostenibile una scuola piramidale e classista con i cima i licei, a metà gli istituti tecnici e in fondo alla gerarchia del sapere le scuole professionali.

La riforma è perciò un passaggio obbligato, e anche chi non la vuole deve allora lasciare procedere un meccanismo di sperimentazione che porterebbe in ogni caso a una trasformazione, sebbene più caotica. Ci sono comunque dei rischi anche nella riforma.

La messa in discussione delle scuole consolidate, ad esempio, come i Licei deve evitare la solita italiana politica gattopardesca in cui tutto cambia, ma tutto rimane come prima, e evitare anche di stravolgere la solida formazione che l’istruzione liceale finora ha garantito, rimescolando tutto in un calderone indistinto in cui non si distinguono più conoscenze vere, nozioni e capacità di problem solving.

Qualcuno solleva la questione del personale. Se si intende indicare il rischio di secondarizzazione delle elementari, forse qualche ragione c’è, ma non ci si può limitare al gretto calcolo dei posti di lavoro; posti che il Ministero potrebbe in ogni modo difendere facendosi carico delle risorse umane e culturali presenti nella scuola. In una scuola che veramente voglia mettersi al passo con i tempi c’è posto per persone che dedichino molto tempo all’utilizzo dei laboratori, delle biblioteche, all’uso delle nuove tecnologie.

Per evitare che i nuovi cicli restino delle scatole vuote, bisogna soprattutto non dimenticare che la scuola è cultura e passione, che la motivazione umana, esistenziale, all’apprendimento e all’insegnamento hanno un ruolo fondamentale. Da sempre i grandi pedagogisti sono stati uomini di grande impegno sociale e politico, basti ricordare Dewey, Freinet, o in Italia Gramsci e Don Milani. Senza un grande ideale di giustizia, di solidarietà, di democrazia sostanziale, la scuola diventa palestra per aridi e noiosissimi eruditi o diplomificio inflazionato. Bisogna evitare, quindi, che prevalgano certe tendenze struttural-funzionalistiche che riducono tutto a  schematismi e ad architetture o peggio a un rinnovamento di immagine.

L’esigenza di una formazione culturale solida e moderna rimane intatta qualsiasi siano i cicli e i programmi. Il solido possesso della lingua italiana, la conoscenza della lingua inglese e delle altre lingue straniere, lo studio della storia, delle scienze, del ragionamento filosofico, la padronanza delle nuove tecnologie della conoscenza, il rapporto col mondo del lavoro: sono problemi sempre uguali e, se si bara su questi, le riforme servono a poco,

Non bisogna dimenticare Gramsci, quando ricordava che la tendenza alla facilitazione degli studi in una scuola di massa è irresistibile. Ce ne siamo accorti per un aspetto positivo, la diminuzione della mortalità scolastica, ma anche nel risvolto negativo di una evanescenza crescente della cultura posseduta dagli alunni. Come pure non va dimenticato Don Milani che condannava la selezione ma faceva scuola anche di domenica, perché se no l’emancipazione di chi la cultura non l’ha ricevuta dalla famiglia resta un’utopia.

E gli insegnanti? In questi mesi si sta dando sfogo in scioperi compatti alla frustrazione della categoria che ha molteplici cause e che in passato si fermava ad un endemico piagnisteo. Legittimati da un ministro che con maldestra sincerità ha dichiarato indecorosi i loro stipendi senza avere i soldi per aumentarli, gli insegnanti si sono incattiviti e chiedono aumenti significativi. Ma non tutti i docenti lavorano allo stesso modo! Certo è difficile individuare criteri che riconoscano la quantità e la qualità del lavoro didattico dei singoli insegnanti, ma se si vuole c’è la possibilità di quantificare il lavoro di preparazione delle prove, di correzione delle stesse, di progettazione, di attività di recupero, di predisposizione di materiali, di gestione dei laboratori. Ci sarebbe così l’occasione per rivalutare sì la funzione dei docenti, però in funzione di una sua produttività culturale e formativa.

vai al sommario

home | chi siamo | lo statuto i nostri esperti | dimissioni selvagge | sangue infetto | sperimentazione clinica | qualità | storia del SSNmobbing | des


Indennizzo per danni anche quando la vaccinazione non era  obbligatoria

 

La Corte Costituzionale ha recentemente riconosciuto il diritto ad ottenere l’indennizzo previsto dalla legge 210/92 (danni da vaccino o trasfusione) per quanti hanno contratto l’epatite “B” da vaccino, anche negli anni in cui la vaccinazione non era obbligatoria (dal 1982).

Questa sentenza si unisce ad altre recenti sullo stesso argomento, che hanno riconosciuto il diritto del cittadino, ammalatosi attraverso trasfusioni infette o vaccinazione, ad ottenere l’indennizzo da parte dello Stato.

Il Movimento dei Cittadini prosegue l’attività di consulenza ed assistenza ai Cittadini interessati al problema

 

Maggiori informazioni si possono avere telefonando al numero 045 8000 220, o scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: info@movimentodeicittadini.it

vai al sommario

Il ministro Veronesi risponde al movimento dei cittadini:
piu’ rapidi i risarcimenti per i danni da vaccino

 

 Il Movimento dei Cittadini ha protestato, con una lettera del 18 settembre scorso al Ministro della Sanità Veronesi, per i ritardi del Ministero nell’espletamento delle pratiche per rispondere alle richieste dei cittadini in ordine al riconoscimento dell’indennizzo previsto dalla legge 210/92 per i danni da vaccinazioni.

Il Ministero della Sanità ha riconosciute queste carenze e con lettera del 17 ottobre 2000, inviata al segretario regionale del Veneto, Giorgio Righetti, ha assicurato che “Il Signor Ministro, avendo ben presente la necessità di una più razionale organizzazione dell’ufficio preposto alla gestione di tale lavoro, ha predisposto, già dal corrente mese di ottobre, un rafforzamento del personale, con unità specificamente istruite per smaltire l’arretrato giacente nel più breve tempo possibile”.

La risposta del Ministro è stata rapida, altrettanto rapida il Movimento dei Cittadini si augura sia la risposta alle istanze dei cittadini.

  

vai al sommario

Narrative Based Medicine

 E’ stato riscontrato che spesso i malati comunicano al medico i disturbi accusati, ma tacciono gli aspetti psicologici come i loro bisogni e le loro preoccupazioni, con effetti negativi per la cura, per i fraintendimenti che si possono ingenerare. Ne ha trattato uno studio pubblicato dal British Medical Journal, prendendo in esame i colloqui dei medici di famiglia con i loro pazienti.

Molti medici ancora considerano la persona come un insieme di sintomi da catalogare in qualche specifica malattia e così tendono a parlare loro senza lasciare al paziente il tempo e l’attenzione sufficiente perché egli esponga i suoi problemi. Già Michael Balint negli anni ’50 in “Medico, paziente e malattia” suggeriva un metodo che assegnava al racconto del malato un ruolo decisivo. Anche il ricorso alle cosiddette medicine alternative a volte può essere motivato dall’attenzione maggiore prestata al malato da chi le pratica.

Proprio per reagire a questa situazione si sta diffondendo un modo nuovo di affrontare la malattia, che tiene conto del modo personale di viverla e raccontarla del malato, la narrative based  medicine.

vai al sommario

home | chi siamo | lo statuto i nostri esperti | dimissioni selvagge | sangue infetto | sperimentazione clinica | qualità | storia del SSNmobbing | des