"SOLIDARIETA' CON"
UN LIBRO PER EDUCARE ALLA SOLIDARIETA'

 Molti usano il termine solidarietà in modo vago, altri ne danno per scontato il significato e le implicazioni. E così si crede che basti "volersi bene, perché il bene costa niente" e tutto si risolve. Una concezione solidaristica della nostra società così ingiusta, e basata sullo sfruttamento e la miseria di una parte vastissima del mondo, invece, è una concezione esigente, che ci fa scoprire le grandi contraddizioni a livello planetario dei modelli di sviluppo, i problemi dell'inquinamento del globo, i problemi strutturali dell'economia, della salute. Il libro "Solidarietà con", "argomenti, metodi e organizzazione di gruppi di formazione e autoformazione sulla educazione alla solidarietà con il Sud del mondo", è proprio una strumento per introdurre a questi problemi, un itinerario educativo per chi vuole addentrarsi in questa problematica. E' un testo utilissimo per educatori che intendessero svolgere un corso di educazione alla solidarietà. Non è scontato infatti e la cronaca ce lo ricorda ogni giorno che i giovani crescano con una concezione solidaristica, anche quelli che frequentano gli scouts, le parrocchie o che si dichiarano, spesso a parole, progressisti.

E proprio da un corso infatti, con alcuni dei migliori specialisti su questi temi, è nato il testo, edito da Tempi di Fraternità. 

Il libro è stato curato da Paolo Bavazzano, Antonio Cammelli, Gianni Ricciarelli, Elio Taretto. Quest'ultimo, cappuccino, direttore del giornale "Tempi di fraternità", scomparso prematuramente lo scorso dicembre, è ricordato affettuosamente nella prefazione.

Nella prima parte Alberto Tridente tratta del problema economico dello sviluppo-sottosviluppo, Alberto Castagnola di "semi, pesticidi e biotecnologie, Giorgio Nebbia dello "sviluppo sostenibile", Enrico Turrini dell'energia solare applicata nel Sud del mondo, Stefano Beccastrini del problema della salute tra Nord e Sud. Nella seconda parte Paolo Orefice, Giuliana Martirani, Antonio Nanni, Antonio Cammelli trattano gli aspetti pedagogici della educazione alla solidarietà, con esemplificazioni sulle tecniche di organizzazione del lavoro di gruppo.

Salvarani e Giolo analizzano il tema della solidarietà nelle esperienze religiose ebraico-cristiane.

In copertina un ponte al di sopra del planisfero ci ricorda che il problema della convivenza fra popoli e continenti è la sfida del nostro tempo.